X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.
Sentiero delle CastagneVista panoramica del sentiero delle castagne

In Valle Isarco, sul Sentiero del Castagno

Da Velturno a Barbiano - con discesa a Chiusa

La seconda tappa porta sull’altopiano soleggiato di Velturno e dà la possibilità di fare sosta all’omonimo castello rinascimentale, al Convento di Sabiona e presso diverse osterie. Vale la pena scendere a Chiusa in quanto la discesa regala un affascinante panorama sulla cittadina medievale.

Lunghezza del tracciato: 15,3 km
Dislivello: 830 m
Percorrenza media: ore 5 ¾

Percorso:
A Velturno imbocchiamo la strada del paese verso sud, superando a destra la chiesetta del centro e a sinistra la cappella di Sant’Antonio, proseguendo verso il nucleo Pedratz fino al maso Radoar. Nei frutteti a monte del maso una breve salita porta alla strada sovrastante, che conduce al castagneto del maso Weinbrenner. Dal maso l’itinerario prosegue attraverso il bosco, poi per i prati fino all’ antica residenza signorile Moar zu Viersch. Passata un’altura boscosa la discesa tra frutteti ci porta al paesetto di Pradello (m 775, ore 1, Albergo Huber). Seguiamo la strada asfaltata che scende al maso Hieng, dove proseguiamo in discesa per strade campestri fino ad una marcata insellatura. Una ripida risalita e infine una galleria rocciosa ci portano nel cortile interno del monastero di Sabiona (m 710). La discesa a Chiusa si svolge lungo il ripido selciato della via crucis fino a Castel Branzoll, dove una stretta scalinata sbocca direttamente nel centro abitato di Chiusa (m 523, ore 1). A Chiusa la risalita in quota inizia oltre il ponte sul Rio Tinne (Thinnebach). Percorriamo la strada lungo il torrente per deviare a sinistra, passata una stretta galleria; in salita tra i frutteti seguiamo la strada di accesso al maso Muttner (m 664). Qui inizia una salita faticosa su ripida strada campestre. Oltrepassiamo un maso abbandonato per raggiungere i prati del maso Johannser (m 754, punto di ristoro, in basso a sinistra). Ora la salita diviene meno faticosa; attraverso campi e bosco arriviamo al punto panoramico “Wetterkreuz” (m 825). Le varie strade campestri ci portano ad un tornante della strada presso Castel Gravetsch, che seguiamo brevemente. Girando a sinistra al prossimo tornante attraversiamo i prati del maso Glatzner, poi un valloncello fino alle prime case dell’abitato, infine la strada del paese ci porta al centro di Villandro (m 880, ore 2). Seguendo per un breve tratto la strada principale verso sud, imbocchiamo la strada a sinistra per scendere nei campi a valle dell’abitato. La strada campestre ci porta ad attraversare un altro valloncello e dopo breve risalita per prati e frutteti raggiungiamo il paesino di San Maurizio (m 780, punto di ristoro). Dal maso Winkler scendiamo su strada asfaltata fino alla prima deviazione a destra, dove seguiamo la via dei masi per proseguire poi sul sentiero che ci porta nella gola del Zargenbach. Dopo la passerella sul torrente la via si inerpica lungo un ripido terreno roccioso, prosegue in salita su un sentiero attraverso il bosco e i campi fino alla strada di collegamento a mezza costa. La strada, panoramica e poco frequentata, si snoda per 2 km raggiungendo il centro del paese di Barbiano (m 857, ore 1 ¾).


Peculiarità del percorso:
- Castel Velturno con il museo archeologico
- Chiesetta di S. Lorenzo
- Sabiona - l’acropoli del Tirolo
- Chiesa San Maurizio

Indicazioni stradali:
Attraverso la Valle Isarco fino a Chiusa e in salita fino a Velturno.

Parcheggio:
Velturno

Trasporto pubblico:
Con il treno fino a Bressanone/Chiusa e con l'autobus fino a Velturno.
Escursionismo, Sentiero delle castagneEscursione sul sentiero delle castagne
Vacanze nella regione d'avventura Chiusa Barbiano Velturno Villandro
teamblau