Pianifica ora
Suedtirol
Pianifica ora
Chiamaci Scrivici WhatsApp 360° View

Il Sentiero del Castagno in Alto Adige

Keschtnweg

Il "Keschtnweg" (sentiero del castagno), sul lato orograficamente destro della Valle Isarco, inizia al Monastero di Novacella nei dintorni di Bressanone, attraversando il paese delle castagne Velturno e boschi di castagni inondati di luce, campi coltivati e paesaggi naturali spettacolari fino al castello Runkelstein a Bolzano. Da lì, il sentiero dei castagni conduce attraverso i bellissimi vigneti sui pendii del monte Guntschnaberge via Glaning fino alla Valle d'Adige, a Terlano e Vilpian.
Il sentiero mostra il suo lato più bello soprattutto in autunno e molte fattorie aprono la loro cucina e cantina durante la stagione del "Törggelen". Ma anche in primavera e all'inizio dell'estate la vegetazione varia e la cultura rurale quotidiana lungo il percorso offrono un fascino paesaggistico incomparabile.

Il "Keschtnweg" è un facile sentiero a lunga distanza di più di 90 km, che può essere suddiviso in singoli tratti che valgono anche come escursioni giornaliere. Il percorso escursionistico di più giorni attraverso le terrazze di bassa montagna, a 700-800 m sul livello del mare, si snoda su sentieri, mulattiere e strade poco trafficate. L'intero percorso è contrassegnato dalla denominazione "Keschtnweg".
Il Sentiero del Castagno, lungo 90 km, porta da Novacella via Velturno a Terlano/Vilpiano
Le tappe giornaliere possono essere organizzate individualmente. Tuttavia, si dovrebbe pianificare abbastanza tempo per visitare i luoghi di'interesse e per le numerosi soste di ristoro che meritano di essere visitati. Si consiglia di prenotare l'alloggio in anticipo, poiché questa regione è frequentata da molti ospiti, soprattutto in autunno durante la stagione del Törggelen, dalla fine di settembre all'inizio di novembre.

Il percorso è vario e costellato di viste spettacolari. Attraversa foreste miste, prati e campi. In alcuni luoghi, i venditori diretti offrono prodotti regionali. Monumenti d'arte e di natura lungo il sentiero testimoniano una cultura secolare, luoghi leggendari raccontano di streghe, fate e fantasmi.