Pianifica ora
Suedtirol
Pianifica ora
Chiamaci Scrivici WhatsApp 360° View

Sotterraneo nella miniera

Alla scoperta nella mina

Quando si scala una montagna, si va verso il cielo. Ma cosa succede se vai nella direzione opposta? Se invece di scalare la montagna, vai dentro la montagna? Allora ti ritrovi con tutta una serie di paure primordiali: la ristrettezza, il buio, il disorientamento. Affrontarle mentre si scala una montagna è un'esperienza unica. Un'esperienza che permane.

Tre gradi, pioggerellina, una fitta nebbia: Quando Robert Gruber, l'amministratore delegato dell'Associazione Culturale della Miniera di Villandro, mi accoglie al parcheggio dei visitatori, non è esattamente tempo di montagna. Ciononostante, un giro in montagna è all'ordine del giorno. Un territorio completamente nuovo per me, uno che so solo che mi porterà in profondità nella miniera di Villandro, uno che Robert ha detto che é "un po' più estremo". Più estremo di cosa? Non lo so, ma mi dico che il paragone era con il normale giro turistico. È fattibile, credo. Lo spero.

Quindi il tempo si adatta perfettamente allo stato d'animo che ho in testa. È altrettanto nuvoloso, alcune domande mi scorrono nel cervello in un ciclo continuo da giorni: Come mi sentirò lì dentro? Che effetto mi farà il fatto che migliaia e migliaia di tonnellate di montagna si stanno accumulando sopra di me? E se vado in panico? E come ne uscirò?
"Come farò lì dentro?"
Il buon umore di Robert aiuta a dimenticare tutto questo per qualche minuto. Mi mostra dove ci porterà il nostro tour. Anche sulla mappa, è una sfida, poiché decine di generazioni di minatori hanno fatto un ottimo lavoro. In quasi 1.000 anni, hanno tagliato il Pfunderer Berg come un formaggio svizzero. Circa 20 chilometri di gallerie attraversano la montagna su diversi livelli da circa 800 a 1500 metri sul livello del mare.

Le gallerie corrono in modo incrociato, passaggi ripidi collegano i livelli, alcuni passaggi finiscono nella luce, altri nel nulla. Per fortuna non devo memorizzare tutto questo. È bello di avere con me Robert e suo figlio Klaus come guide, che conoscono le gallerie come il palmo della loro mano. Dopo tutto, Robert ha scavato la sua strada attraverso la montagna qui per oltre 40 anni.


Strisciare, salire e arrampicarsi


Ma non importa se cammini, strisci o ti arrampichi. È sempre un'irrefrenabile voglia di esplorare che ti spinge avanti. Cosa c'è dietro la prossima curva? Cosa mi aspetta nella prossima galleria? Quali difficoltà mi aspettano? E quali bellezze? Perché una cosa è chiara: chi si aspetta che la montagna sia un grigio tetro si sbaglia completamente.

La congeniale interazione di acqua e minerali ha creato qui una meraviglia della natura dopo l'altra, completamente indisturbata da secoli. Stalattiti in filigrana pendono dal soffitto, qua e là si formano perle di grotta bianche e brillanti sul pavimento, le muffe disegnano ragnatele color crema, simili a vene di foglie, sul legno. In continuazione, l'oro degli stolti (pirite) brilla alla luce della lampada frontale, e luminosi cristalli di gesso coprono le pareti, come se qualcuno avesse voluto salarle. Del tutto inaspettata è anche la colorazione che si dispiega quaggiù. Lo zolfo dilavato lascia macchie e bolli gialli, il piombo emerge dalle pareti in un nero profondo, il ferro fornisce sfumature rosso ruggine, e poi c'è il rame, che colora le pareti di azzurro o verde brillante, come se un bambino avesse giocato con una scatola di vernice.
Anche questo fa parte del fascino di scalare una miniera: stai camminando su un terreno ricco di storia. Ogni volta che faccio dei passi più veloci in una delle gallerie, mi chiedo quanto tempo ci abbiano messo i minatori a sfondare la stessa distanza: con martello e piccone nel bagliore di un truciolo di pino ardente stretto tra i denti. Robert ha una risposta anche a questa domanda (come a quasi tutte): uno scudiero riusciva a fare da otto a dodici metri all'anno, o da due a tre centimetri al giorno. Un mese di duro lavoro allora, un passo oggi.

Le difficoltà in cui si è lavorato qui per quasi un millennio sono difficilmente immaginabili oggi. Né lo è la ricchezza che le famiglie operanti, soprattutto i Fugger di Augsburg, ne hanno ricavato. Solo nella miniera di Villandro e dintorni erano impiegate fino a 1.000 persone; nei tempi migliori si estraevano rame, zinco e non meno di 30 tonnellate di piombo all'anno - e 135 chilogrammi di argento, che intorno al 1500 era più prezioso dell'oro.


E la paura del buio?

Questa è un'altra storia. Poco prima della fine del tour, Robert ci raccoglie intorno a sé e ci chiede di spegnere le nostre lampade frontali. Quello che ci circonda è il buio assoluto, impenetrabile, nero come la pece. Il nulla onnicomprensivo. "Allora", chiede Robert, "come ci si sente, l'oscurità?" Lui stesso e la maggior parte dei visitatori trovano il buio pesto liberatorio, sentendo una vastità quasi infinita, dice.

E io? Io non appartengo alla 'maggior parte dei visitatori'. Sento la vastità infinita solo quando esco dal Lorenzistollen e torno alla luce del giorno, quando la vista non si estende più solo fino alla prossima curva, ma va nel cuore delle Dolomiti patrimonio mondiale dell'Unesco: alle cime Geisler, al gruppo del Sella, al Sassolungo e al Sassopiatto. Per quanto possa sembrare stupido: i miei occhi tirano un sospiro di sollievo. E ce l'ho fatta: più ricco di un'esperienza unica che non scorderó mai piú!

Buona fortuna!


Testo tratto da: Berge erleben - Das Magazin des Alpenvereins Südtirol AVS
Testo scritto da (tedesco): J. Christian Rainer
Pubblicazione: 04/2021