Pianifica ora
Suedtirol
Pianifica ora
Chiamaci Scrivici WhatsApp 360° View

Dal viticoltore

Dietro le porte

Il bus navetta porta a sei tenute e una cantina, e ad ogni ora le corse diventano più conviviali, mentre il bus va comodamente su e giù per le montagne della Valle Isarco, vicino a Chiusa. Dopo qualche minuto un'altra sosta. L'autobus si annuncia con un forte clacson, scarica un gruppo e ne fa salire un altro. "Ban Winzer" (dal viticoltore) è un'escursione enologica su ruote, volendo anche a piedi.  

Nella valle, la vicinanza alle montagne causa forti variazioni termici giorno-notte, che portano allo sviluppo di sfumature di gusto estremamente fini nei vini. Inoltre, un'elevata percentuale di silicati nel terreno conferisce ai vini della Valle Isarco la loro caratteristica nota minerale. Sylvaner, Müller Thurgau, Gewürztraminer, Veltliner, Ruländer, Kerner e Riesling sono le varietà preferite. Non ci sono quasi varietà di vino rosso; di questo si ne occupa piú il sud del Alto Adige. Qui, nella regione vinicola più settentrionale d'Italia, i buongustai dei vini bianchi saranno contenti: i vini freschi e fruttati vincono regolarmente premi internazionali.
Opportunitá perfetta per degustare i pregiati vini della Valle Isarco e per conoscere personalmente i loro produttori.
Un gruppo di giovani studenti Erasmus si è messo a proprio agio sull'ampio prato e sotto il diffuso albero di noce dell'azienda vinicola biologica Zöhlhof. È un luogo bellissimo, con una magnifica vista sulla Valle Isarco a sud - sicuramente un luogo di potere. Il padre di Josef ha piantato l'albero maestoso e proprio accanto c'è la vecchia fattoria, che probabilmente risale all'XI secolo - non si può dire a occhio e croce. La sostenibilità e un approccio attento alla tradizione sono importanti per la famiglia Unterfrauner. Questo si riflette nella viticoltura. Già 25 anni fa, Josef è stato uno dei primi nella valle a convertire la sua azienda agricola alla coltivazione biologica. "Non è stato certo facile, ma mi era chiaro che volevo percorrere questa strada - o nessuna". Il figlio più giovane sta ora prendendo in mano la fattoria passo dopo passo. Il giovane si trova a chiacchierare allegramente tra gli studenti Erasmus che sventolano bicchieri di vino e che ascoltano con entusiasmo i suoi racconti sulla fattoria e sull'uva. Peccato che l'autobus stia già suonando di nuovo il clacson.
La tappa successiva è la Cantina Valle Isarco. La più giovane cantina cooperativa dell'Alto Adige è rifornita da 135 famiglie contadine con le loro uve, che vengono lavorate e raccolte con grande cura e in gran parte a mano. Le moderne tecnologie consentono una lavorazione industriale altamente professionale del vino, che non ha perso l'amore per il dettaglio e la conoscenza della tradizione. È così che anche qui si producono vini pluripremiati.
Quando arriviamo alla tenuta Radoar di Velturno è giá sera. Un altro dei luoghi preferiti, a 850 metri di altitudine, con vista sulle cime delle Odle. "L'obiettivo è l'armonia nel giardino e nell'anima", affermano Norbert ed Edith Blasbichler. Anche loro sono agricoltori biologici per convinzione. Sempre alla ricerca di una creazione interessante, giocano con le opzioni della viticoltura come se fossero dei giocolieri. Tuttavia, ciò che conta di più per loro è il gusto puro e inalterato del vino. Il luogo perfetto per un ultimo bicchiere di Kerner. L'armonia nel palato e nell'anima è definitivamente stabilita per oggi.

Testo: Sylvia Pollex
Traduzione: Società Turistica di Chiusa, Barbian, Velturno, Villandro
Foto: Thomas Rötting; Tobias Kaser
Pubblicazione: 2022