Pianifica ora
Suedtirol
Pianifica ora
Chiamaci Scrivici WhatsApp 360° View

Al Festival del Vino Bianco Sabiona

Tintinnio di calici

Lea, della Val di Funes, passa felicemente con le sue due amiche per l'arco del centro storico della città medievale di Chiusa. Un braccialetto d'ingresso sul braccio, un libretto con tutti i vini offerti e un bicchiere vuoto in mano: è tutto ciò che serve per le prossime ore di squisita degustazione al Festival del Vino Bianco Sabiona a Chiusa.

"L'idea di degustare i vini della Valle Isarco non ordinati per produttore ma per vitigno è straordinariamente semplice e definitvamente buona", afferma Susanne Lehmann, una degli otto sommelier. È responsabile della presentazione del Gewürztraminer. Basta una breve conversazione con lei per avere un consiglio per ogni ospite. Il linguaggio dei vini con espressioni come "astringente", "fin di bocca", "fruttato" o "fresco vivo" è un linguaggio melodioso - a Sabiona la parlano tutti.
"L'idea di degustare i vini della Valle Isarco non ordinati per produttore ma per vitigno è straordinariamente semplice e definitvamente buona."
Alle tre amiche della Val di Funes, Susanne consiglia prima un "Aristos" della Cantina Valle Isarco e poi, per confronto, il "Dionysos" della tenuta Zöhlhof, una piccola cantina biologica vicino a Velturno. Infine, assaggiano un Gewürztraminer della cantina Ebner. "Esco spesso con le amiche", dice Lea con una risata, "ci piace bere i vini della Valle d'Isarco. Ma troppo spesso ci affidiamo a vini che conosciamo già perché non osiamo provare un nuovo vino che potrebbe non piacerci. Al Festival del Vino Bianco Sabiona potremo provarli tutti!". Usa un sistema di croci, spunte e cuori: "Con questi contrassegno i vini nella guida di degustazione Sabiona: non é proprio il mio, abbastanza buono o assolutamente da comprare". "Dionysos" riceve un cuore.

Susanne Lehmann chiacchiera allegramente del suo lavoro di sommelier, dei tanti eventi piacevoli in cui incontra persone così diverse e delle conversazioni così divertenti. Sta seguendo un corso di formazione a distanza per diventare accademica del vino, per educare ulteriormente la sua linguetta fina. Ridiamo di cuore dell'idea che sia seduta alla sua scrivania a casa, davanti a molte bottiglie di vino, a studiare.
Il crepuscolo é arrivata e l'atmosfera di questa mite serata di inizio estate è allegra ed briosa. Tanti turisti hanno frequentato l'evento, ma anche tante persone della zona. Tutti sono vestiti in modo piuttosto chic, ogni fascia d'età è rappresentata, un numero sorprendente di giovani passeggia nella zona pedonale piena degli stand di vino. Molti di loro lavorano nel settore del vino o lavorano nella ristorazione. Qui i viticoltori non devono stare dietro al bancone e servire il loro vino, ma possono assaggiare i vini dei loro colleghi. Analizzano con gli occhi, il naso e la bocca il pregiato nettare. Le ultime annate sono state buone. Le persone si conoscono e hanno molto di cui parlare. Lo scambio con i sommelier è emozionante e i viticoltori osservano di nascosto la reazione degli appassionati alle loro creazioni.
I vicoli della pittoresca città medievale sono lo scenario perfetto per il festival. Da oltre 400 anni sovrasta la città il monastero di Sabiona, uno dei più antichi luoghi di pellegrinaggio dell'Alto Adige e eponimo per il Festival Sabiona.

Testo: Sylvia Pollex
Traduzione: Società Cooperativa Turistica Chiusa, Barbiano, Velturno, Villandro
Foto: Thomas Rötting
Pubblicazione: 2022